UNA COLLEZIONE DI 30 GANESH

Una collezione di 30 Ganesh provenienti da una collezione italiana. I prezzi sono disponibili su richiesta.

3. Ganesh danzante.
India nord-occidentale.
Dinastia Hindu-Shahi. VI / VII secolo.
Marmo. H cm 40.
Pubblicato: “Magie dell’India”, Treviso 2013.

 

Avete mai visto un elefante così elegante librarsi nell’aria in un passo di danza? Forse al circo o forse nei cartoni di Disney, ma questo Ganesh è di solida pietra e solo un grande artista poteva dare al suo marmoreo corpo la leggerezza di un ballerino. Piedi e gambe sembrano saltare per imprimere al corpo lo slancio della danza e neppure il grande ventre riesce ad appesantire il dinamismo dei passi. Le quattro braccia stanno roteando come quelle di un giocoliere mentre impugnano i loro oggetti rituali. E il movimento della figura si ripete anche nella parte posteriore, con l’alto torso attraversato dal cordone brahmanico e la morbida flessione dei fianchi ricoperti dal panneggio della veste.

4. Ganesh
India, Orissa (?), XV/XVI secolo
bronzo, H 13 cm.

Ganesh con quattro braccia e le gambe nella posizione (asana) “della farfalla”; il topo è posto sulla base circolare con la testa rivolta al dio.

5. Ganesh
India, Tamil Nadu, XIX secolo
lega di rame, H 7,7 cm.

Un classico Ganesh del Sud India circondato da un perfetto arco di fiamme.

 

6. Ganesh
India, Himachal Pradesh, XVI secolo
bronzo, H 15 cm.

Un Ganesh pensoso seduto “all’occidentale” con la testa del topo che sporge dalle gambe. Semplice, essenziale, poco “iconico” ma con una dolce espressione umana.

7. Pendente
India, Tamil Nadu, XX secolo
oro, H. 2,8 cm.
VENDUTO

E’ un Ganesh “regale” sia per il valore del metallo che per la ricca decorazione che lo circonda. Due pavoni chiudono il medaglione in alto.

8. Lampada rituale
Nepal, XIX secolo
bronzo, H 18 cm.

E’ una tipica lampada rituale nepalese ad olio (sukunda). In fondo al fornello è posto un piccolo altare dove siede Ganesh e alle sue spalle un elaborato portale. Particolarmente elegante è il manico che ha la forma sinuosa e ben cesellata di un drago, simbolo del re del Nepal. Sul fornello sono incise forse la dedica e il nome del committente.

9. Ganesh
Rajasthan, XIX secolo,
marmo con policromie, H. 23 cm.

Un classico Ganesh del Rajasthan vestito con abiti sontuosi che hanno gli stessi colori della pittura rajput. Una bella scultura modellata con grande perizia.

10. Ganesh
Cambogia, XIX secolo o precedente
bronzo, H .4,5 cm.

La corona di teschi sulla quale siede Ganesh lo collega a culti esoterici. La figurina, cesellata come una miniatura, è modellata con raffinata precisione.

11. Ganesh
India, Maharashtra, XIX secolo o precedente
bronzo, H.10 cm.

E’ una immagine classica dell’India centrale. Ganesh, seduto su un trono di loto, ha quattro braccia e il ventre cinto da un cobra mentre il vorace topo è intento a mangiare un dolce. È una raffinata scultura fusa a cera persa di un metallo che sembra dorato e che illumina la figura.

12. Ganesh cavalca un pavone.
India centrale (?), XIX secolo
bronzo, H.10,5 cm.

Ganesh cavalca un pavone, la cui ruota di piume lo circonda come fosse un’aureola iridescente. E’ una immagine  molto rara che associa simbolicamente la bellezza del pavone e la generosità di Ganesh.

13. Ganesh
India, Maharashtra, XIX secolo
ottone, H. 21 cm.

Ecco Ganesh dio degli intellettuali che regge un libro con la mano destra anteriore. Poggia su un grande fiore di loto sul quale si vede il piccolo roditore, suo immancabile compagno.

14, 15, 16. Tre Ganesh
India centrale, XIX secolo o anteriore
da destra H. cm 6,2, 5,5 e 6,7.

Tre bronzetti di tradizione popolare e quello al centro di stile tribale. Molti dei piccoli Ganesh di questa collezione sono stati toccati e  accarezzati per secoli, lentamente il metallo si è consumato ed è diventato così morbido da esser piacevole da toccare.
€ 300, 300 e 400.

17. Ganesh con Nandi
India, Gujarat o Rajasthan, XIX secolo
bronzo, H.15 cm.

E’ un medaglione che probabilmente veniva appeso sulla fronte di un bue in modo che la benevolenza di Ganesh lo proteggesse. Ai lati del dio sono infatti posti Nandi, il toro sacro, e la mucca sacra. Sotto l’anello che serviva per appenderlo si vede il cappuccio di un cobra, altro elemento di tradizione shivaita.

18. Ganesh che cavalca il topo.
India, Maharashtra, XIX secolo o precedente
H. 10 cm.

Se nell’iconografia di Ganesh il topo Akhu né è il veicolo, in questa scultura lo è nella realtà: ecco quindi il dio che cavalca il topo, entrambi gioiosamente intenti a mangiare il dolce nazionale indiano (laddu).

19. Ganesh
India, Madya Pradesh, XVIII secolo o precedente
bronzo patinato, H.12,5 cm.

Che meraviglia l’arte popolare indiana che trasforma il talvolta barocco stile classico in una forma stilizzata, essenziale, quasi astratta. Il retro, forse ancora più bello del fronte, evidenzia proprio questa capacità di sintesi.

20. Ganesh con 10 braccia
India, Tamil Nadu, XVIII secolo
lega di rame, H.6 cm.

Ganesh con 10 braccia e la sua Sakti, compagna ma soprattutto manifestazione dell’energia femminile che accompagna ogni divinità.

21. Ganesh
India, Maharashtra, XIX secolo o precedente
bronzo, H.8,5 cm.

Ganesh è onnipresente: nei grandi santuari come nelle piccole edicole di campagna, negli appartamenti della nuova borghesia indiana come nelle capanne dei villaggi persi nella sterminata campagna o nella giungla. Questa figura proviene proprio da quelle aree quasi tribali, dove la forma riflette la fantasia del mastro fonditore locale.

22, 23, 24. Tre Ganesh
India meridionale, XVIII /XIX secolo
H. cm 6, 6,3 e 7,2.

Sono tre classiche statuine del sud India per l’altare domestico o da viaggio parzialmente consumate dalla manipolazione devozionale.
€ 450, 450, 300.

25. Ganesh in abito regale.
Nepal, XIX secolo
bronzo, H.13 cm.

Ganesh in abito regale con un ventaglio di piume sopra la corona. Lo stile è tipicamente nepalese.

26. Ganesh
India centrale, XVIII secolo
bronzo, H. 7,2 cm.

Date al topo qualcosa da rosicchiare e vi porterà ovunque. Eccolo dunque reggere il suo dio in un bronzetto dal metallo color oro, molto più bello dal vero che in foto.

27. Ganesh
India, Tamil Nadu, XIX secolo
lega di rame, H. 5 cm.

Una classica icona del Sud India, una piccola miniatura cesellata con la stessa finezza di un gioiello.

28. Ganesh
Sud India, XVIII secolo o anteriore, lega di rame, H. 5,2 cm.

La composizione (Ganesh affiancato anzi abbracciato da tre figurine) di questo bronzetto è misteriosa ma ciò che colpisce è la forma forse approssimativa, forse infantile ma molto moderna.

29. Ganesh
India centrale, XIX secolo
bronzo, H. 7,2 cm.

E’ una statuina di stile popolare ma dove ogni elemento è armonico, essenziale e anche piacevolmente morbido al tatto per chi lo potrà toccare.

30. Ganesh
India, Rajasthan, XIX secolo
alabastro, H.7,5 cm.
E’ un piccolo Ganesh destinato all’altare domestico. Il quotidiano uso rituale ha addolcito la pietra e le ha dato una calda trasparenza.

Renzo Freschi
info@renzofreschi.com
Nessun commento

Inserisci un commento