Galleria:
Nuove Proposte
Luglio 2021

LETTERATO CON VENTAGLIO
Cina, Dinastia Qing, XVIII-XIX secolo
Tempera su carta, cm 82 x 65,5

Euro 7700 + spedizione

Il letterato siede alla base del tronco di un vecchio pino piegato dal tempo, indossa una comoda veste informale e impugna un ventaglio di penne di pavone con le mani sottili di chi non si occupa di cose materiali. Sul tavolino, una peonia fiorita si eleva dal suo vaso, mentre uno scettro ruyi  finemente intagliato vi è semplicemente appoggiato sopra. Oltre la sponda scoscesa scorre placido un fiume e sulla riva opposta si scorge in lontananza un prunus fiorito. E’ un paesaggio rarefatto dal quale spiccano solo i colori tenui del letterato e degli oggetti che simbolicamente lo rappresentano: la peonia e il ventaglio, emblemi di colta distinzione; lo scettro simbolo, in questo caso, del raggiungimento degli ideali del letterato; il prunus fiorito che rappresenta la bellezza della virtù e le piume di pavone che distinguono i funzionari di alto rango come i letterati.

In questa natura sospesa nel tempo il volto del letterato è ritratto con il realismo di una persona vera; la calvizie e il pizzetto sottolineano lo sguardo attento che guarda l’osservatore. Se fosse un monaco buddhista si potrebbe parlare del ritratto di un illuminato ma nella cultura confuciana è più consono definirlo un saggio, ma le due realtà non sono poi così diverse.

TRE MUSICI
Cina, provincia del Sichuan
Dinastia Han Orientali (25-220)
Terracotta, H. 60 cm

Prezzo su richiesta

Tra le migliaia e migliaia di statue cinesi in terracotta pubblicate o esposte nei musei di tutto il mondo, avete mai fatto caso a quante ne avete visto con un’espressione gioiosa e sorridente? Certo, i mingqi sono opere nate per celebrare il fasto della vita del defunto e quindi collegati a un evento quasi mai gioioso. Così le tombe sono decorate con truci guardiani che devono scacciare demoni o umani malintenzionati, deliziose suonatrici dall’etereo sorriso, eleganti cavalieri e acrobatiche giocatrici di polo, rigidi soldati che proteggono l’anima del defunto per l’eternità. Solo per un breve periodo, durante la dinastia Han Orientali, e solo nella provincia di Sichuan, furono prodotte figure di soggetto mondano (musici, danzatori, venditrici di alimenti) che si differenziano proprio per un’espressione che rallegra ogni volta che li si osserva. Non sono figure di quel mondo aristocratico sofisticato che documentano la maggioranza dei mingqi, ma persone della vita quotidiana, del popolo, con il sorriso e la leggerezza dei momenti di festa: musicanti, danzatori e cantanti abbigliati con vesti eleganti e con un berretto piatto sul capo, come questo “trio”, composto da due suonatori di strumenti a fiato e a corda e da una cantante, riconoscibile anche per il fiore di crisantemo sul capo che contraddistingue tutte le artiste: tutti e tre con un sorriso contagioso.

VENDITRICE DI PESCE
Cina, provincia del Sichuan
Dinastia Han Orientali (25-220)
Terracotta, H. 60 cm

Prezzo su richiesta

 

Elegante, con fiori di crisantemo tra i capelli questa sorridente venditrice di pesce mostra orgogliosa la sua merce: differenti tipi di pesce e una tartaruga.

DANZATRICE
Cina, provincia del Sichuan
Dinastia Han Orientali (25-220)
Terracotta, H. 46 cm

Euro 7500 + spedizione

Renzo Freschi
info@renzofreschi.com
Nessun commento

Inserisci un commento